I corsi

LABORATORI TEATRALI PER ADULTI

Finalità e obiettivi

Nostro primo obiettivo è accrescere le potenzialità espressive della persona. Per tutti ma per gli adulti ancora di più, è necessario prima di tutto azzerare, attraverso il condiviso gioco della finzione, i ruoli che ciascuno naturalmente ha assunto nella vita, per poi magari riutilizzarli con ironia, ottenuta la necessaria distanza. Per questo sono essenziali esercizi di rilassamento, per prepararsi ad ascoltarsi e ad acquisire una sempre maggiore consapevolezza delle proprie possibilità comunicative ed espressive, una volta compreso che in teatro tutto può avvenire, che l’adulto può tornare a giocare aprendo le porte ad ogni stravolgimento.

Percorso pedagogico

La tecnica assume in questo percorso un’importanza decisiva, perché consente di accostarsi a diversi stili teatrali, a personaggi e a situazioni drammaturgiche via via più complesse. Certamente la grande gran parte del laboratorio è finalizzato ad affrontare la costruzione del personaggio in senso naturalistico, classico, reinventando se stessi come difficilmente avviene nella quotidianità. [...]

Leggi di più

Esercizi stimolanti la concentrazione e la fantasia, unitamente a sperimentazioni vocali, ad improvvisazione libere e su testo, permetteranno a ciascuno una interpretazione originale ma sempre vera di ogni ruolo. Parallelo sarà il lavoro sulla respirazione, l’articolazione dei muscoli facciali e sulla dizione, così da avvicinarsi ad una neutralità vocale necessaria per poi affrontare le caratteristiche dei diversi personaggi. Ci accosteremo però anche a suggestioni simboliche, accostandoci ad esempio agli elementi naturali (terra, acqua, aria, fuoco), alle materie, agli animali, alle luci, ai colori e ai suoni, ricevendo stimoli importanti per alimentare la propria creatività. Il cammino attraverso i diversi stili teatrali consente di far propri alcuni meccanismi drammaturgici, sperimentandosi con l’improvvisazione, la tragedia, la farsa, il grottesco, la comicità più contemporanea, per citarne solo alcuni aspetti. Utilizzeremo, in tutto il nostro percorso, la musica. Non solo per acquisire una buona dimestichezza con sonorità poco usuali e con un senso ritmico necessario in scena, ma anche per favorire l’attore nel suo percorso d’improvvisazione e di ricerca. Inoltre ci accosteremo a tutte quelle discipline che, dagli anni ’60, si sono sempre più integrate nel “fare teatro” (danza, musica, canto, pittura, etc), integrandole nel nostro percorso. Crediamo fermamente che in teatro sia essenziale unicamente il rapporto comunicativo, autentico e reciproco, tra attore e spettatore. Tutto il resto è importante ma accessorio, non essenziale. E tuttavia crediamo anche che possa essere estremamente interessante il confronto con altre discipline, se questo confronto è finalizzato proprio all’arricchimento dell’attore stesso e non al suo oscuramento.


LABORATORI TEATRALI PER RAGAZZI

Finalità e obiettivi

L’obiettivo primo del percorso teatrale sarà quello di stimolare i ragazzi a non perdere quella capacità “metarappresentativa” così familiare nell’età del gioco. L’immaginazione e la simulazione di ambienti, oggetti e circostanze parte dalla libera creazione e, nel gioco drammatico, sviluppa nella capacità di riproduzione. Richiede quindi concentrazione, osservazione e soprattutto consapevolezza di sé, degli altri e della realtà che ci circonda. Il percorso si pone l’obiettivo di entrare in una realtà nuova, creata dai ragazzi, con regole proprie nelle quali credere. L’unione nelle forme espressive di realtà e fantasia, di concretezza e di immaginazione, favorisce notevolmente la capacità comunicativa e relazionale.

Percorso pedagogico

La linea pedagogica è finalizzata a non perdere mai di vista il “gioco drammatico”, sviluppando la capacità di guardare la realtà con gli “occhi del teatro”. Ogni elemento interno o esterno dovrà essere uno stimolo per creare, per sviluppare la propria fantasia, per comunicare. La tecnica sarà sempre al servizio della fantasia e della creatività, ma verrà approfondita proprio per svilupparne l’aspetto espressivo. [...]

Leggi di più

Esercizi finalizzati alla socializzazione sono propedeutici ad ogni attività teatrale, perché l’attività teatrale è per sua natura centrata sulla collaborazione. Si lavorerà sulla respirazione e sulle casse di risonanza vocali, sulla ritmica del suono e della parola, scoprendone la grande potenzialità nel comunicare stati d’animo; affronteremo con la stessa finalità la lettura poetica e le tecniche di narrazione. Parallelamente sviluppa il linguaggio del corpo alla luce di un atteggiamento creativo, uscendo quindi dai limiti del gesto quotidiano per entrare in atteggiamenti simbolici, evocativi (stimolati da una musica, dagli elementi – aria, acqua, terra, fuoco -, dall’atteggiamento degli animali, dai colori ma anche dall’osservazione delle persone che ci circondano). I ragazzi saranno così guidati, sviluppando la propria immaginazione, alla creazione di uno spazio scenico e alla creazione di un personaggio e ai suoi rapporti con altri personaggi, entrando nel vivo l’aspetto drammaturgico.


LABORATORI TEATRALI PER BAMBINI

Finalità e obiettivi

Considerando in teatro essenziale il rapporto, la comunicazione, tra persone, al di là di tante altre componenti importanti ma accessorie, allora si comprende quanto possa essere importante per i bambini accostarvisi: non solo per farli avvicinare ai meccanismi comunicativi da un punto di vista cognitivo ma anche e soprattutto da un punto di vista affettivo-relazionale.
Obiettivo prioritario è per noi quello di sviluppare attraverso il gioco le potenzialità espressive e creative del bambino partendo dal bambino stesso, dal suo istintivo desiderio di giocare, di fingere, di imitare, attraverso un percorso in cui la tecnica e le regole sono al servizio dell’invenzione, della fantasia, funzionali a valorizzare il piacere del bambino nel vivere questo tipo di esperienza.[...]

Leggi di più

Attraverso un approccio pedagogico interdisciplinare, il corso si propone di rendere il bambino ancor più consapevole delle proprie potenzialità comunicative ed espressive e ancor meglio in grado di gestirle, non per farne degli attori ma per farli giocare con la propria naturale teatralità, col proprio istinto spontaneo che è il piacere di imitare.

Percorso pedagogico

La linea pedagogica sarà quella dell’apprendimento e della stimolazione attraverso diverse discipline legate al teatro, che diano il maggior spazio possibile al bambino, allo sviluppo delle sue capacità inventive ed espressive, senza nasconderlo tra gli orpelli di splendidi accessori (scenografie e costumi inappuntabili, musiche straordinarie, luci eccezionali, etc). Il percorso parte dalla rielaborazione dei giochi in cui caratteristica è proprio la forte teatralità e proseguirà in stretto rapporto col vissuto del bambino, andando dalla semplice imitazione del gesto all’imitazione delle intenzioni, all’inventare uno spazio e la funzione di oggetti scenici, all’interpretazione di “altri da sé”; avrà prevalentemente un carattere collettivo: così propedeutici saranno alcuni esercizi finalizzati alla socializzazione, per comprendere l’importanza del gruppo, per fare teatro. Lavoreremo sulla ritmica del gesto e del suono; attraverso l’ascolto della musica, ma ancor prima attraverso l’ascolto del proprio respiro e della propria voce e di quella altrui, attraverso le suggestioni di un disegno, di un colore, di un profumo, di un animale, il bambino verrà guidato in un viaggio creativo che lo coinvolgerà sotto tutti i profili sensoriali. Il bambino sarà guidato verso l’acquisizione del gusto di raccontare una storia ad altri, di stare insieme agli altri, per comprendere che ognuno è fondamentale al lavoro dell’altro, sviluppando un senso positivo di osservazione e curiosità per l’altro e per quanto ci circonda. Attraverso l’uso di diversi materiali, i bambini avranno la possibilità di creare insieme il materiale scenografico per lo spettacolo di fine corso, spettacolo che prenderà forma da un racconto, da una favola affrontata nel corso del lavoro, unito ai pensieri scritti o detti dai bambini stessi, dalle loro improvvisazioni realizzate nel corso dell’anno, dal materiale scenografico realizzato insieme. Interessante è il viaggio che porta un gruppo a raggiungere una meta comune, per la quale ciascuno ha dato il proprio indispensabile contributo.


CORSI DI DANZA

Il corso è rivolto ad attori ed allievi attori senza limiti di età. Non è necessaria nessuna esperienza di danza precedente. All’interno di questo percorso l’attore comincerà ad apprendere le tecniche per poter affrontare delle coreografie senza sentirsi limitato dal non avere una formazione da danzatore, ma anzi troverà il modo affinché la sua esperienza recitativa diventi funzionale alla danza e lo aiuti ad “interpretare” attraverso il ballo ed il movimento, sentendosi comodo e libero.

Materie affrontate

Risveglio del corpo fisico; Sbarra a terra e allungamento; Esercizi di riscaldamento di danza classica e moderna; Il lavoro tecnico del danzatore e le piroette; Studio tecnico ed artistico di coreografie di diversi stili (video-dance,musical,danza moderna e contemporanea); Imparare ad ascoltare e contare la musica; Lavoro sulla fluidità del movimento; La danza come training attoriale; Liberare la propria sensualità attraverso la danza.

Al termine del corso è previsto un saggio-spettacolo in cui gli allievi saranno coinvolti sia come danzatori che come attori. Ogni corso comincia ad ottobre e termina maggio/giugno ed è composto da una lezione settimanale di due ore. Il corso è a numero chiuso e potranno partecipare massimo 12 allievi.